giovedì 26 marzo 2015

Ringraziamento



L’addio a Carla
di Agide Vandini






Carla è partita ieri per il suo lungo viaggio, dopo il toccante rito funebre e dopo i giorni del dolore struggente in cui tantissima gente, un numero infinito di persone, ci ha voluto testimoniare la sua vicinanza e il suo cordoglio.
Tanti l’hanno fatto di persona, gli amati filesi sono accorsi in massa al corteo, altri lo hanno fatto via mail o via SMS, una lunga fila di messaggi, in massima parte di lettori ed amici di questo blog che mi hanno aiutato molto e per i quali voglio esprimere in un unico lungo e intenso abbraccio  tutta la mia riconoscenza.
Li conserverò e li trasmetterò scrupolosamente anche a Giovanni e ai miei nipoti.
A fianco il ricordino di mia sorella Carla.
Grazie ancora.

Agide
 

martedì 24 marzo 2015

Ciao Carla…



L’ultimo abbraccio
di Agide Vandini








Carla vicino a mia madre

Mia sorella Carla ci ha lasciato poco fa. Verso le 10 di stamattina, il mio amorevole angelo custode ha posto fine alla sua lunga sofferenza, addormentandosi per sempre.
Eravamo preparati in famiglia, come sempre avviene davanti al male che avanza inesorabile, ciò nonostante il dolore che invade il cuore è immenso, l’emozione inarrestabile.
Gli ultimi mesi Carla li ha trascorsi nella propria casa sopportando l’infermità con una forza incredibile, circondata e confortata dalle cure e dall’affetto di tutti i suoi cari. Giovanni soprattutto è stato un gigante: la colonna portante che ha retto il peso di una situazione sempre più impegnativa sia sotto l’aspetto morale che materiale.
Nei momenti di sconforto mia sorella ha spesso invocato nostra madre affinché la prendesse fra le sue braccia. Così l'immagine che ho scelto per il mio ultimo abbraccio credo sia la più appropriata, quella che, in questo momento,  le farebbe più piacere diffondere.
Ciao Carla. Anche gli angeli impareranno presto a conoscerti e ad amarti.
Agide


PS: Il funerale avrà luogo Giovedì 26 con partenza dall'area mortuaria di Argenta alle 14,30 e sosta alla chiesa di Filo per la funzione religiosa. Il corteo continuerà fino al Cimitero del paese da cui il feretro proseguirà per l'area crematoria di Ravenna.

mercoledì 4 marzo 2015

E’ dĕ ch’a sö nêd (Il giorno in cui son nato)



Racconto in dialetto filese di Orazio Pezzi
(Trascrizione e traduzione di Agide Vandini)


Pochi giorni fa, il 25 febbraio, ha compiuto 68 anni il carissimo amico Orazio che, in esclusiva per l’Irôla, ha scritto un bellissimo, anzi “fantastico”, racconto in dialetto, da leggere e gustare assieme, facendo particolare attenzione alle cinque righe finali…. Eccolo:


E’ dĕ ch’a sö nêd

Oh tot i diš che l'è impusĕbil arcurdês de’ dĕ
 Ch’us nès; la srà acsĕ,
mo  me a m’arcurd coma che fŏs air.
A stéva chêld chêld mo un pò scòmad,
l’éra diš dĕ che fašènd una scapariola
a séra armàst cun la tësta in žö,
žirêda in bàs e incastrêda fra do ganàs murrbi che parò, par quènt ch’am sfurzĕs,
ló a n’al šlintéva la streta.
A sìra ae’ bur cun la nëbia,
un s'avdéva da quĕ a lĕ,
me a tastéva in quà e in là
e an s'aveva coma ‘vnì fura
da cla situaziòñ un pò ingarbuieda.
Intent ch’a sira a lĕ ch’ai pinséva,
al ganàs agli à ‘tac a môvas,
a i ò sintù chichê addrì de’ cùl,
 la têsta la s’è infilêda fra al ganàs
 e tot a un tràt am sö truvê
sŏ int un quel biènc, (un linzôl);
al prĕmi parôl ch’a i ò sintù
agl 'è stêdi « L’è un mas-c’, l'è un mas-c’,
 liga, taia, taia, dai una sculazê!».
A i ò cmenz a zighê
e tot intóran a dì:
«L’à una bëla vóš e farà carira».
I m'à taiè avšen a la penza,
e pu i m’à lavê cun dl’ aqua chêlda,
u i éra un quêl bienc
cun e’ bórd blu  pì d'aqua (e’ cadĕn)
e una röba piò élta cun e’ bëc
 nëca lì bienca cun i burd blu (la broca),
e pu dla nëbia tot intóran.
Trë o quàtar döñ al žiréva sŏ e žö coma ‘l mati
e int e’ lët ui éra mi mama
ch'la scuréva cun la bélia: « Cum èl?»
 e la bélia: «U n’è un gran chè blì,
l'à una tësta esagerêda
an sö coma ch’l’épa fàt a pasê
parò l'è bel vĕsp e quèst l’è quèl che coñta…»
Intent la dašéva i ùrdin:
Öna la m’à ciàp pr i pì e sulivê
 par mĕtar e’ triangulì,
dop un'êtra la m’à infasê strĕc com un salàm dgend: «Acsĕ  u i avnirà al gamb drĕti…»
A i ò tac a zighê coma un mat,
 indo ch’a sera prĕma,
neca par póc, am putéva môvar,
a que, purcaza dla miseria,
acsĕ tot insaldì am séra incazê da murì.
Oh la dìš òna: « Quast'aquĕ e’ darà da fê,
 un s'è incóra farmê da quend ch’l’è nêd....»
A t’é crìd: prema i taia,
e’ pu it dà una sculazê
 e dop i t’infasa com un salamì
e pu i pritend nenc che t’ stega zet,
l'è un pò trop u n’è véra?
A i ò sintù ciamê: «Mario,Mario…»
Una dal dòñ la ciaméva mi babo,
adës ch’al m'avéva pugê int la conla
nëca chi òman i putéva avnì avdé.
A m’arcùrd che apĕna ch’a l’ò vest
a i ò smĕs ad zighê,
am sö sóbit inamurê.
L’era bël coma un ènžul,
cun du ŏc vird strampalé.
«Mario com al vut ciamê?»«Orazio»

Oh, un l'aves mai det,
a i ò artàc sòbit a zighê,
mo un è cuntè
e par dìla tŏta: l'è andêda bèñ acsĕ.

L'éra i 25 ad favrér de’ 47
fura e int la cambra int e’ cantòñ d'la ca
cun la pôrta ch’la daševa dreta int e’ curtìl,
l'era un frèd ch’us batéva i dent,
 par furtona che me a ngn avéva,
a n’um putéva môvar, sol zighê,
 e a i ò zighê ‘sena a l'istê.

E frèd l’à fat in môd che a n’um šminghĕs.
«Röbi da ‘n crédar», tot i dirà,
«U n pò arcurdês…»
Invezi  dop a tent en,
prema d'andè vì,
a i ò putù e vlù scrìvar stal do parôl,
 neca parchè, dop,
 nè chêrta ne pèna piò a n’truvarò.

Mo e’ segrét dla mimoria indó stàl?
Vó a savì  che a sö ned int un paéš
 Indó che gnit l’è impusèbil
parchè l'è  lighê ae’ Zìl
cun un Fìl.


Il giorno in cui son nato

Tutti dicono che impossibile ricordare il giorno
 In cui si nasce; Sarà così
Ma io lo ricordo come fosse ieri.
Stavo al caldo ma un po’ scomodo
da dieci giorni, facendo una capriola
 ero rimasto con la testa in giù,
girata in basso e incastrata fra morbide ganasce
di  una morsa che però, per quanto mi sforzassi,
non allentava la stretta.
Ero al buio con la nebbia,
non si vedeva a un centimetro,
tastavo da ogni parte
e non sapevo come venir fuori
da una situazione tanto ingarbugliata.
Ci stavo ancora pensando,
quando le ganasce hanno preso a muoversi,
ho sentito spingere da dietro,
 la testa s’è infilata fra le ganasce
 e tutto ad un tratto mi son trovato
sopra qualcosa di bianco (un lenzuolo);
le prime parole che ho sentito
sono state: « E’ un maschio, è un maschio,
lega, taglia, dagli una sculacciata!».
Ho cominciato a piangere
e tutt’intorno si diceva:
«Ha una bella voce e farà carriera».
M’hanno tagliato vicino alla pancia,
poi m’hanno lavato con un po’ d’acqua calda,
c’era un affare bianco
col bordo blu e pieno d’acqua (il catino)
e una cosa più alta col becco
 anch’essa bianca coi bordi blu (la brocca),
e poi tanta nebbia attorno.
Tre o quattro donne si muovevano convulsamente
e sul letto c’era mia madre
che parlava con la levatrice: « Com’è?»
 e lei: «Non è tanto bello,
ha una testa molto grande
non so come sia potuto passare
però è molto vispo ed è questo che conta…»
Intanto dava ordini:
Una m’ha preso per i piedi e sollevato
 per mettermi la pezza a triangolo,
ed un’altra m’ha fasciato stretto come un salame dicendo: «Così gli verranno le gambe dritte…»
Ho cominciato a piangere come un matto,
 dov’ero prima,
almeno un po’ mi potevo muovere,
qui, accidentaccio,
così conciato, m’ero arrabbiato da morire.
Poi una che dice:: « Questo darà da fare,
 non s’è ancora fermato da quand’è nato....»
Lo credo bene: prima tagliano,
poi arriva una sculacciata
 infine t’imbragano come un salamino  
e poi pretendono anche che si stia zitti,
non è un po’ troppo?
Ho sentito chiamare: «Mario, Mario…»
Una delle donne chiamava mio padre,
ora che mi avevano posto sulla culla
anche gli uomini potevano venire a vedere.
Mi ricordo che appena l’ho visto
ho smesso di piangere,
 mi sono innamorato subito.
Era bello come un angelo,
con due occhi verdi stupefacenti.
« Mario come lo vuoi chiamare? »« Orazio »

Oh, non l’avesse mai detto,
ho ricominciato subito a piangere,
ma non è servito a nulla
e per dirla tutta: è andata bene così.

Era il 25 di febbraio del ’47
Fuori e nella camera d’angolo della casa
Con la porta che dava direttamente nel cortile,
era un freddo da far battere i denti,
per fortuna che io non li avevo,
non mi potevo muovere, solo piangere,
 ed ho pianto fino all’estate.

Il freddo ha fatto in modo che non dimenticassi,
«Cose da non credere», tutti diranno,
«Non può ricordare…»
Invece dopo tanti anni,
e prima di andarmene,
ho potuto e voluto scrivere queste due parole,
 anche perché, poi, dove andrò,
 non troverò più né carta, né penna.

Ma il segreto della memoria dove sta?
Voi sapete che sono nato in un paese
 Dove nulla è impossibile
Perché è legato al Cielo
Con un Filo.